Senza categoria

E se premetto poi mantengo.

Premessa che vuol essere simpatica ma umile, non troppo lunga ma neanche troppo corta e che ti faccia venir voglia di tornare a trovarmi su questi schermi:

Amaramente consapevole del fatto che il mondo non trae vantaggio ( e dovrebbe, per l’amor del cielo!) dai miei continui tsunami di pensieri inaciditi dal karma cattivo e accuratamente contorti per ovviare a una grave mancanza di temi, decido di aprire un blog. Lo apro perché?

1)un po’ perché se Tina Cipollari pubblica un libro non capisco perché io non possa almeno aprire un blog;

2)un po’ perché scrivere mi distrae dalle ansie che stanno sempre lì dietro l’angolo, come la gente che prima non c’era in strada e poi spunta proprio mentre stai cadendo rovinosamente in una pozzanghera;

3)un po’ perché sento fortemente che  Madre Internet ha bisogno di me. Sì perché internet lascia che tutti i bambini vengano a lei e quindi lascia che anche io contribuisca a rendere l’etere una zona sempre più affollata di pensieri, parole, opere e (poche, pochissime) omissioni.

Ho provato ad adeguarmi al trend odierno degli haiku moderni in 150 caratteri ma l’autrice ottocentesca morta e sepolta che è in me brama papironi noiosi, prolissi e con tante subordinate. Non paga dell’audience composta dai miei gentili amici su facebook, decido di allungare il filo su cui stendere i fatti miei nelle pubbliche piazze del web. Non so se scriverò o meno parecchi affari miei su questo sarannafamosi.wordpress.com però so che l’unico argomento su cui sono ferrata è quello monotematico e monomaniaco chiamato “La vita, le paranoie e gli abissi di Sara Anna”.

Incidentalmente, è anche l’unico argomento su cui voi non mi potete contestare date sbagliate, fatti riportati male e critiche ingiuriose verso le mie mancanze. Quindi fate esercizio di compassione e, se vi va, fingetevi sinceri (MAI dire la verità, come ci ha ben chiarito Troisi anni fa) e fatemi tanti, tanti, tantissimi complimenti. Se invece proprio le cose che scrivo e/o la mia persona vi irritano c’è sempre una via d’uscita, non temete, ed essa è quella freccia rossa in alto a destra se possedete un Windows o in in altro a sinistra (credo) se avete un Mac.

Pertanto, concludendo:

Ho aperto questo blog sarannoso dove potrete leggere le cose interssantissime che accadono nella mia vita (risata da sit-com)  fornendovi anche un luogo in cui potermi elogiare e fare aumentare la mia autostima (va bene anche se fate finta di).

Dopo la premessa, la promessa:

Giuro su Internet onnipotente di cercare di strapparvi almeno un sorriso con le mie avventure sfigate e le mie boutade da persona intelligentissima che occasionalmente veste i panni di una vrenzola.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...